(2018) NS XXXVI, 1, 84-88

09/2018
La fisica tra la scuola secondaria e l’università. Riflessioni e orientamenti
Maurizio Zani, Matteo Bozzi
Nuova Secondaria XXXVI, 1, 84-88 (2018) – url http://www.edizionistudium.it/riviste/ns-n-1-settembre-2018

——————–

Abstract:

L’università ha da sempre una porta aperta verso il mondo della scuola secondaria, il che ne fa un interlocutore privilegiato in continua e mutua interazione, sia per la formazione degli insegnanti (dal punto di vista contenutistico e metodologico), sia per la platea di studenti che quella porta la attraverseranno per continuare il loro cammino di apprendimento. Spesso non sono solo i soggetti (insegnanti e studenti) ad essere parte dell’interazione, ma anche gli oggetti (tematiche e metodologie), in particolare per le materie STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics); in tal caso nel passaggio dalla scuola all’università lo studente ritrova la materia che ha affrontato sino a qualche mese prima, talvolta proseguendola con uno sviluppo tematico successivo e talvolta affrontando la stessa tematica con diversa profondità. Questo è particolarmente vero nel caso della fisica, in cui le macro-tematiche classiche principali (la meccanica, la termodinamica, l’elettromagnetismo, l’ottica, cenni alla fisica moderna) trovano spazio comune nelle due realtà formative.

Progetti